Protocollo Covid19

Protocollo di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19
Il presente protocollo si ispira a quello nazionale: “Protocollo condiviso di regolazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro” realizzato per le aziende in data 14 Marzo 2020, e successivi aggiornamenti.
Preso atto che il Governo favorisce, per quanto di sua competenza, la piena attuazione del Protocollo;
Condivisi i principi del Protocollo nazionale;
Considerate le differenti opzioni previste dalla legge e dal Protocollo nazionale per far fronte alla diffusione del COVID-19;
Valutata la necessità di adottare un Protocollo che, nel rispetto dei principi di quello nazionale, li adatti alla specificità;
Considerato che, secondo il Protocollo nazionale, le misure previste nello stesso possono essere integrate da altre equivalenti o più incisive secondo la peculiarità della propria organizzazione;
Ricordato che, a valle dell’elaborazione del presente protocollo, saranno monitorate le misure adottate e le implementazioni (con eventuale affidamento di questo compito a un Comitato per l’applicazione e la verifica delle regole del Protocollo);
l’Associazione Culturale Bandistica l’Altrosuono, via Ostiglia 3/c – Brescia (di seguito chiamata “l’Altrosuono”)
assume il presente Protocollo di regolamentazione interna quale attuazione del Protocollo nazionale adottato il 14 marzo 2020 e successivi aggiornamenti.
1) Informazione
Il Corpo Bandistico evidenzia che una mancata o carente attuazione del protocollo, che non assicuri adeguati livelli di protezione, determina la sospensione delle attività fino al ripristino delle condizioni di sicurezza.
Il Corpo Bandistico invita quindi tutte le persone che si trovano, a qualsiasi titolo, nei locali della sede stessa (successivamente riportato come “locali”) o che partecipano alle attività da esso organizzate, ad attenersi scrupolosamente alle indicazioni del presente Protocollo e ad adottare comportamenti responsabilmente cauti.
1. Informazione preventiva
Il Corpo Bandistico porterà a conoscenza, anche attraverso strumenti informatici, a tutti coloro che (Presidente, Consiglieri, Soci ecc.) si accingono ad avere, occasionalmente o sistematicamente, incontri nei locali del Corpo Bandistico o ad esso connessi una specifica nota contenente tutte le indicazioni del presente Protocollo.
2. Informazione all’entrata
Nessuno potrà entrare nei locali se non dopo aver ricevuto la specifica nota informativa. Con l’ingresso si attesta, per fatti concludenti, di averne compreso il contenuto, si manifesta adesione alle regole ivi contenute e si assume l’impegno di conformarsi alle disposizioni ivi contenute.
All’entrata vengono affissi appositi cartelloni e/o consegnati depliants contenenti le comunicazioni necessarie a regolamentare l’accesso nei locali. In particolare:
– l’obbligo di rimanere al proprio domicilio e di non entrare nei locali in presenza di febbre (oltre 37.5°) o altri sintomi influenzali e di chiamare il proprio medico di famiglia e informare l’autorità sanitaria;
– la consapevolezza e l’accettazione del fatto di non poter fare ingresso o di poter permanere nei locali e di doverlo dichiarare tempestivamente laddove, anche successivamente all’ingresso, sussistano le condizioni di pericolo (sintomi di influenza, temperatura, provenienza da zone a rischio o contatto con persone positive al virus nei 14 giorni precedenti ecc.) ovvero condizioni per le quali i provvedimenti dell’Autorità impongono di informare il medico di famiglia e l’Autorità sanitaria e di rimanere al proprio domicilio;

– l’impegno a rispettare tutte le disposizioni delle Autorità nell’effettuare l’accesso ai locali (in particolare: mantenere la distanza di sicurezza, indossare la mascherina, osservare le regole di igiene delle mani e tenere comportamenti corretti sul piano dell’igiene);

– l’impegno a informare tempestivamente e responsabilmente del manifestarsi di qualsiasi sintomo influenzale nei locali o anche durante le attività associative, avendo cura di rimanere ad adeguata distanza dalle persone presenti.
1) Informazione ai terzi
I’Altrosuono darà adeguata informazione ai terzi (operatori, soci, visitatori) anche dei contenuti del presente Protocollo Interno per quanto di interesse. Tale informazione avverrà con una nota informativa. Laddove possibile ne anticiperà il contenuto rispetto all’accesso presso la sede dell’Associazione.
2) Informazione in sede e nei luoghi adibiti a prove
I’Altrosuono colloca, nei luoghi maggiormente frequentati, depliants informativi che ricordano i comportamenti da assumere, le cautele, le condotte in linea con il principio del distanziamento interpersonale.
I’Altrosuono fornisce un’informazione adeguata, con particolare riferimento al complesso delle misure adottate alle quali tutti devono attenersi, in particolare sul corretto utilizzo dei DPI, per la prevenzione di ogni forma di contagio.
2) Modalità di ingresso e di comportamento in sede e nei locali adibiti ad attività associative (prove, lezioni ecc.)
1. Controllo della temperatura
Chiunque avrà accesso ai locali dovrà, a seconda della casistica, sottoporsi al controllo della temperatura corporea il cui esito sarà annotato sul registro presenze. Nel caso in cui la temperatura risultasse superiore ai 37,5 °C, l’accesso non sarà consentito, i dati dell’interessato saranno registrati e comunicati tempestivamente alle autorità competenti.
2. Rispetto della privacy
I’Altrosuono esegue le operazioni di controllo della temperatura e quelle conseguenti nel pieno rispetto della privacy, secondo le modalità indicate nel Protocollo nazionale.
3. Richiesta di informazioni
I’Altrosuono informa preventivamente i soci, ed eventuali terzi che debbano fare ingresso nei locali, della preclusione dell’accesso a chi, negli ultimi 14 giorni, abbia avuto contatti con soggetti risultati positivi al COVID-19 o provenga da zone a rischio secondo le indicazioni dell’OMS.
I’Altrosuono non consentirà l’ingresso dei soci in precedenza risultati positivi al virus in assenza di una preventiva comunicazione, avente ad oggetto la certificazione medica da cui risulti la “avvenuta negativizzazione” del tampone secondo le modalità previste e rilasciata dal dipartimento di prevenzione territoriale di competenza.
I’Altrosuono fornirà la massima collaborazione alle autorità sanitarie laddove queste, per prevenire focolai epidemici in aree maggiormente colpite dal virus, disponga misure aggiuntive specifiche, come, ad esempio, l’esecuzione del tampone per i soci.
4. Mobilità delle persone
I’Altrosuono valutata l’organizzazione interna, al fine di ridurre il flusso di spostamenti all’interno dei locali, dispone quanto segue:
– Esecuzione di prove di sezione o a gruppi, in numero massimo 10 persone distanziate di almeno 2 metri.
– Esecuzione di lezioni individuali, al massimo di 1 allievo più 1 insegnante per aula disponibile e 1 addetto alla sanificazione.

5. Parcheggi
I parcheggi sono posizionati in area esterna e pubblica, distanziati di 1 o 2 metri.
6. Ingressi
L’ingresso sarà regolamentato con apertura almeno 30* minuti prima della prova, al fine di favorire un arrivo scaglionato. Eventuali accompagnatori dovranno rimanere fuori dai locali, mantenendo il distanziamento sociale.
3) Modalità di accesso di esterni
1. Comunicazione della procedura d’ingresso
I’Altrosuono si impegna a comunicare le procedure di ingresso anticipatamente ai familiari dei soci allievi, agli invitati e ai fornitori anche in modalità informatica.
Laddove non fosse stato possibile verrà consegnata, comunque prima dell’ingresso nei locali, una informativa scritta contenete tutte le indicazioni a cui dovranno attenersi i visitatori terzi durante la permanenza nei locali.
2. Procedura d’ingresso
E’ vietato l’ingresso a persone che non siano soci dell’associazione, a meno che non rientrino tra le categorie citate al precedente punto 1., o nel caso di sede condivisa con altre realtà. Qualora si rendesse necessario l’ingresso di ulteriori persone per cause di forza maggiore, si dovranno rispettare le seguenti regole:
• Mantenere la distanza di almeno un metro
• Dotarsi di guanti
• Indossare la mascherina
4) Pulizia e sanificazione dei locali
La pulizia e la sanificazione sono azioni fondamentali che, insieme al distanziamento interpersonale, contribuiscono a evitare la diffusione del virus.
I’Altrosuono, per la pulizia e la sanificazione fa riferimento alla circolare 5443 del 22 Febbraio 2020 del Ministero della Salute (richiamata anche nel Rapporto ISS COVID-19 n. 5/2020).
Con riferimento alla pulizia, ferma l’ordinaria pulizia generale, si dispone quanto segue:
a) Locali
• Sanificazione con azienda specializzata della sede prima della ripresa delle attività.
b) Servizi igienici
• I’Altrosuono garantisce che i servizi igienici saranno sempre tenuti puliti.
c) Attrezzature (strumenti musicali, leggìi, sedie, tavoli, attrezzature varie, maniglie, armadi, ecc.)
• Sanificazione con azienda specializzata prima della ripresa delle attività.*
• Sanificazione tramite personale interno dopo ogni utilizzo e con ampia aerazione dei locali.
Tutte le operazioni verranno annotate in apposito registro.
I’Altrosuono dedica particolare attenzione alla pulizia dei locali comuni (sala prove ecc.) dove maggiore è la frequenza ovvero la possibilità di contatto. È necessario che tutti i soci si attengano alle norme di comportamento igienico sanitario per concorrere a mantenere la massima pulizia e salubrità di tali ambienti.

5) Sanificazione
I’Altrosuono garantisce che la sanificazione verrà effettuata nel rispetto e in aderenza alla periodicità sancita dalle norme.
I luoghi interessati alla sanificazione periodica sono i seguenti: sala prove, ufficio, aule per lezioni individuali, servizi igienici ecc.
La sanificazione è prescritta nelle seguenti occasioni:
a) Presenza di un caso conclamato con COVID19, secondo le indicazioni della circolare 5443 del 22 Febbraio 2020 del Ministero della Salute;
b) Periodicamente.
I’Altrosuono può disporre una parziale sanificazione, ovvero una sanificazione più frequente dedicata (per es. servizi igienici, locali comuni, ecc.) laddove lo ritenga necessario.
6) Precauzioni igieniche personali
L’igiene personale eseguita correttamente è decisiva per la riduzione della diffusione del virus.
In tutti i locali igienici è esposto un dépliant contenente le indicazioni inerenti alle modalità della pulizia. Nei luoghi distanti dai servizi igienici sono collocati e mantenuti costantemente riforniti i distributori di gel sanificante per le mani, con l’invito ad un frequente uso da parte di tutti gli operatori. In prossimità del distributore è affisso il dépliant che descrive le modalità di igienizzazione delle mani. I’Altrosuono ricorda che la corretta e frequente igienizzazione delle mani con acqua e sapone esclude la necessità di ricorrere al gel sanificante. A tal fine, i detergenti per le mani sono resi accessibili a tutti i soci e a tutti i presenti nei locali grazie a specifici dispenser collocati in punti facilmente individuabili.

7) Dispositivi di protezione individuale
1. Le mascherine chirurgiche
I’Altrosuono mette a disposizione di tutti soci presenti, qualora ne siano sprovvisti, le mascherine chirurgiche.
Le mascherine dovranno essere indossate dall’ingresso fino al raggiungimento della propria postazione. Una volta posizionati a distanza di 2 metri uno dall’altro si potrà togliere, fatta eccezione per il direttore e i percussionisti, che invece dovranno tenerla indossata.
Durante le prove è vietato scambiarsi di posto, così come scambiarsi gli spartiti musicali e i battenti delle percussioni.
Tutti, al termine della prova, dovranno re-indossare la mascherina prima di lasciare la propria postazione.
Le mascherine chirurgiche devono essere utilizzate in conformità a quanto previsto dalle indicazioni dell’Organizzazione mondiale della sanità.
2. Il gel
Il gel disinfettante è fondamentale per la pulizia delle mani, laddove manchi la possibilità di lavare le mani con acqua e sapone.
I’Altrosuono assicura che tutte le persone presenti nei locali abbiano la possibilità di ricorrere al gel con semplicità e con la frequenza ritenuta opportuna.
3. Altri dispositivi di protezione
I’Altrosuono, con il supporto dell’autorità competente, individua le ipotesi in cui è necessaria la fornitura di ulteriori dispositivi (occhiali, guanti, barriere ecc.) conformi alle disposizioni dell’Autorità sanitaria.
8) Gestione entrate e uscite
I’Altrosuono dispone quanto segue:
a) orari di ingresso/uscita scaglionati in modo da evitare i[l più possibile] contatti nelle zone comuni ;
b) riservare le entrate sul lato destro e le uscite sul lato sinistro del portone d’ingresso, segnalare i percorsi di ingresso ed uscita con apposita cartellonistica/indicatori sul pavimento.
9) Gestione di una persona sintomatica in sede
Laddove, nel periodo di presenza nei locali, insorgano sintomi influenzali, I’Altrosuono dispone interventi immediati e coordinati, sulla base delle indicazioni dell’autorità sanitaria competente.
In particolare:
a) il caso di persona presente nei locali con sviluppi di febbre e/o sintomi di infezione respiratoria ( tosse, raffreddore ecc.) dovrà essere immediatamente segnalato alla Presidenza o a membro del Direttivo. Conseguentemente si dovrà procedere all’isolamento dell’interessato in base alle disposizioni dell’autorità sanitaria. I’Altrosuono segnala con tempestività il caso alle autorità sanitarie competenti utilizzando i numeri di emergenza per il COVID-19 forniti dalla Regione o/e dal Ministero della salute. Nel caso in cui non sia possibile garantire adeguate condizioni per l’isolamento la persona verrà allontanata dalla sede per il pronto rientro al proprio domicilio e, comunque, secondo le indicazioni dell’Autorità sanitaria.
b) I’Altrosuono collabora con le Autorità sanitarie per la definizione degli eventuali “contatti stretti” di una persona presente nei locali o partecipante alle attività dell’associazione, qualora sia stata riscontrata positiva al tampone COVID-19. Ciò al fine di permettere alle autorità di applicare le necessarie e opportune misure di quarantena. Nel periodo dell’indagine, I’Altrosuono potrà chiedere agli eventuali possibili contatti stretti di lasciare cautelativamente i locali o le attività, secondo le indicazioni dell’Autorità sanitaria
11) Aggiornamento del protocollo di regolamentazione
I’Altrosuono a fronte di nuove ordinanze nazionali, regionali o comunali, procederà tempestivamente ad adeguare il presente protocollo e la sua messa in atto.

Continuando la navigazione di questo sito approvi l'utilizzo di cookies. + info

Le impostazioni di questo sito consentono l'utilizzo di cookies, per garantirti la migliore navigazione possibile. Cliccando "accetto" acconsenti al loro utilizzo.

Chiudi